"RIPRENDIAMOCI" PALAZZO MALACRIDA Percorso educativo, ambientale e artistico per la scoperta, la valorizzazione e la tutela del paesaggio 
Istituto Damiani Morbegno

Plesso

scuola primaria Damiani Morbegno


Anno scolastico

2016 / 2017


Soggetti coinvolti

Associazione 2020

Sistema museale della Valtellina

Museo di Storia Naturale Morbegno

FAI

Associazione culturale Ad Fontes

Cooperativa Unoteatro Lecco

Progetto “Tutti in scena”


Destinatari

- scuola primaria


Discipline

- matematica e scienza
- storia e antropologia
- arte e immagine
- musica
- lingua italiana
- educazione alla convivenza civile


Luogo oggetto di ricerca

Morbegno


Descrizione e fasi di lavoro

““Riprendiamoci” Palazzo Malacrida” è un progetto di indagine ambientale finalizzato alla conoscenza di aspetti significativi del territorio da un punto di vista naturalistico, storico, artistico, culturale e antropico finalizzato alla valorizzazione di un angolo caratteristico della città di Morbegno: Palazzo Malacrida.

Attraverso questo progetto le classi 1^ e 2^ della scuola primaria “Damiani” aderiscono alla proposta FAI “Prendiamoci la città”, percorso di ricerca sul territorio a stazioni creative nel quale i bambini, sotto la guida di esperti e insegnanti, si mettono in gioco in prima persona per rileggere luoghi caratteristici della propria realtà, per scoprire quanto di bello c'è da conservare, valorizzare e migliorare per essere restituito alla vita della collettività.

Palazzo Malacrida è una dimora settecentesca, esemplare del 700 valtellinese, recentemente riportato al suo originario splendore da un importante restauro. Sul lato sud l’edificio si affaccia su un ampio giardino che si sviluppa in altezza salendo lungo il “Dos de la Lumaga” attraverso una successione di piani terrazzati collegati da rampe di scale: la parte inferiore si presenta giardino di rappresentanza all’italiana, mentre la parte superiore era dedicata a frutteto, nella parte più alta del giardino è presente un caratteristico eremo.

La conoscenza di uno spaccato di vita del passato locale consente ai bambini di ripercorrere un’epoca storica remota e confrontarla con la situazione attuale dando allo studio una connotazione concreta strettamente legata all’esperienza diretta degli alunni. La modalità di lavoro attuata offre l’occasione di utilizzare metodologie di ricerca, indagine e analisi specifiche (di tipo storico e scientifico); inoltre fornisce la possibilità di costruire, in modo integrato, un quadro di civiltà tipico della realtà locale.

Le uscite didattiche, gli incontri con gli “esperti” e la ricerca delle “tracce” presenti sul territorio consentono ai bambini di sperimentare l’esperienza della costruzione della narrazione storica e facilitano la collocazione del presente in prospettiva temporale.

Il percorso proposto agli alunni delle classi 1^A-B e 2^A-B della scuola primaria “Damiani” di Morbegno, prende avvio da un lettura creativa degli affreschi presenti nelle sale di palazzo Malacrida e si pone come occasione di conoscenza e analisi di un giardino tipico del settecento in Italia, con particolare riferimento a ciò che rimane del giardino di rappresentanza.

Il progetto rappresenta un’opportunità per approfondire conoscenze in campo architettonico e botanico e utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite per ipotizzare interventi di valorizzazione. Le uscite didattiche sul campo e le lezioni d’aula con gli esperti costituiscono il cardine attorno cui ruotano le attività didattiche di classe.

Il progetto vede il coinvolgimento degli alunni, delle loro famiglie e di molteplici realtà presenti sul territorio (sotto elencate) così da creare una sinergia di interventi sia per il recupero della funzione del “luogo” nella storia della città che per il percorso di valorizzazione intrapreso dalla comunità locale.

Il progetto potrebbe prevedere quali prodotti finali una mostra degli elaborati prodotti, la realizzazione di un prodotto finale che raccolga e documenti il percorso svolto e le conoscenze “riscoperte”, e sia fruibile da un pubblico adulto e bambino, una animazione o un’esibizione corale negli spazi del palazzo come partecipazione a iniziative culturali organizzate da enti e associazioni  presenti sul territorio.

ATTIVITA’/AZIONE 1:  CONOSCERE PER VALORIZZARE

Laboratori formativi per insegnanti.

Incontri tra esperti e docenti coinvolti nel progetto, finalizzati alla progettazione e realizzazione del percorso metodologico e didattico con particolare riferimento alle modalità di co-progettazione, nei quali verranno valorizzate le competenze metodologico-didattiche del personale docente ed i saperi specifici degli esperti.

ATTIVITA’/AZIONE 2: COLORI A PALAZZO

Percorsi specifici finalizzati allo sviluppo di competenze espressive utilizzando linguaggi verbali e non. Esplorazione creativa dell’ambiente attraverso la lettura di immagini e testi, sperimentazione personale di materiali e metodi di produzione, al fine di consentire agli alunni di esprimere le proprie emozioni e la propria personalità utilizzando linguaggi verbali ed extraverbali.

Letture animate negli spazi del Palazzo per renderli vivi.

ATTIVITA’/AZIONE 3: NATURALmente A PALAZZO

Realizzazione di percorsi specifici finalizzati allo studio del territorio (piante e fiori presenti nel giardino di palazzo Malacrida) per l’acquisizione di competenze inerenti la sostenibilità ambientale.

Attività di studio dell’ambiente naturale, con riferimento alla vegetazione e alla fauna, all’utilizzo di strumenti di orientamento, alla conoscenza del paesaggio e della sua trasformazione nel tempo.

ATTIVITA’/AZIONE 4: PROFUMI E SAPORI A PALAZZO

Dalla lettura degli affreschi individuazione degli alimenti di un tempo e confronto  le abitudini alimentari di un tempo con il presente.

Scoperta degli alimenti ed educazione al gusto attraverso l’utilizzo dei cinque sensi.

ATTIVITA’/AZIONE 5: IN SCENA A PALAZZO

Animazione all’interno dell’edificio per il coinvolgimento delle famiglie degli alunni e della popolazione

Eventuale mostra degli elaborati realizzati dagli studenti durante i laboratori artistici.

 

 


Punti di forza

“Riprendiamoci Palazzo Malacrida” documenta la prima annualità del percorso biennale di educazione ambientale proposto nelle classi 1^A e B e 2^A e B della scuola primaria “Damiani” finalizzato alla conoscenza di aspetti significativi del territorio da un punto di vista storico, artistico, culturale e antropico, alla promozione ed alla valorizzazione di un angolo caratteristico del Comune di Morbegno.

Per la realizzazione del progetto si è costruita una rete di sinergie tra la scuola ed enti ed associazioni operanti nella realtà locale. Si è attivata una collaborazione con il FAI come parte attiva del  progetto “Riprendiamoci la città”, percorso di ricerca sul territorio a stazioni creative nel quale i bambini, sotto la guida di esperti e insegnanti, si mettono in gioco in prima persona per rileggere luoghi caratteristici della propria realtà, per scoprire quanto di bello c'è da conservare, valorizzare e migliorare per essere restituito alla vita della collettività. La cooperazione con la cooperativa Unoteatro ha consentito di dare vita ad una animazione teatrale efficace a misura di bambino.

Il progetto è stato anche occasione di partecipazione all’azione 4.2 “Ieri la famiglia oggi il Palazzo” di “Tutti in scena”: laboratori didattici di story-telling e di avvio alla conoscenza del patrimonio artistico locale per la riattualizzazione e la valorizzazioni dei beni presenti sul territorio.

La collaborazione con la sezione didattica dell’Associazione 2020 fa parte delle pratiche didattiche, consolidate nel corso degli anni, messe in atto legate all’educazione ambientale.

L’evento di condivisione con il territorio ha consentito di coniugare l’esperienza musicale con quella dell’educazione ambientale.


Criticità

Non sono emerse criticità significative, solo alcuni disguuidi a livello organizzativo.


Prodotti realizzati

- video
- immagini
- altro


Nome e Cognome

RONCONI


Ruolo

MARILISA



Allegato
Scarica file allegato






SISTEMA MUSEALE DELLA VALTELLINA
SERVIZIO CULTURA DELLA PROVINCIA DI SONDRIO
corso XXV Aprile, 22 - 23100
Sondrio t. 0342 531231
info@sistemamusealevaltellina.it